il bizzarro incidente del tempo rubato

certo non si può dire che in italia non abbiano una bella fantasia nel trovare titoli accattivanti per libri e film tradotti dall’inglese (con risultati perlopiù tragicomici)! in questo caso ammetto che il titolo “il bizzarro incidente del tempo rubato” ha fatto su di me il suo sporco lavoro e mi ha da subito attratto, anche se avevo intenzione di leggere questo libro a prescindere, in quanto secondo romanzo dell’autrice rachel joyce, che mi aveva già conquistato con “l’imprevedibile viaggio di harold fry“. questo secondo lavoro non mi ha deluso, anche se mi ha dato qualcosa di diverso rispetto ciò che ci si potrebbe aspettare a partire dal titolo o leggendo qualche recensione. infatti, per quanto mi riguarda, non c’è niente di così bizzarro, né un mistero che nel momento in cui si svela mi abbia lasciato a bocca aperta. non voglio svelarti niente della trama, perché vorrei che lo leggessi, ma ti posso dire quello che mi è piaciuto e quello che mi ha lasciato.

il tempo ha effettivamente un ruolo importante: è un romanzo sul suo scorrere inevitabile. se al tempo regolare fossero aggiunti due secondi, pensi cambierebbe qualcosa? viene da rispondere di no, ma in due secondi si può fare una scelta, e quindi può cambiare una vita intera. se si pensa al titolo originale, “perfect”, si coglie ancora meglio il tema su cui ruota tutta la faccenda. il protagonista sembra avere una famiglia perfetta, una vita perfetta, ma si sa che è proprio sotto la perfezione che si nascondono le miserie, e le sofferenze, più grandi. ho letto queste 371 pagine in sei giorni. mi hanno coinvolto, commosso, e mi hanno perfino fatto un po’ arrabbiare. ci sono vergogna, sensi di colpa, silenzi, ferite difficili da curare, e anche nostalgia, piccoli gesti gentili e l’insopprimibile desiderio di non sentirsi soli.

brother-1252736_640

“non è un gran sorriso. è un semplice esercizio dei muscoli facciali. vuole soltanto che lei capisca; anche se è difficile dire quello che vorrebbe che lei capisse. quel sorriso è un po’ come agitare una bandierina. o accendere una luce nel buio. è come dire: eccomi qui. eccoti lì. e basta.”

Annunci

8 thoughts on “il bizzarro incidente del tempo rubato

  1. Concordo che la nostra mania schizoide di tradurre i titoli originali dei film e libri (per grazia di Dio non per musica e videogiochi) produce effetti spesso deleteri: il caso più emblematico per me è il film (molto bello) ” Se mi lasci, ti cancello”, che trae totalmente in inganno e stravolge l’originale. Fosse stato per quel titolo italiano Con tutta probabilità avrei passato la mano. Se quindi ho capito bene, dato il mio rapporto controverso e contrastato con Il Tempo, questo libro potrebbe fare al caso mio. Tra la mia tordaggine e i tuoi “no spoiler” ti chiedo lumi, che la lista della Spesa è già terribilmente ingolfata;)

    Liked by 1 persona

      1. Eh purtroppo non si può recuperare un libro mediocre con un bel titolo (bello, per modo di dire aggiungerei….) tenerlo simile all’originale secondo me avrebbe deluso molto meno…..ma nonostante tutto qualcosa si salva sempre, meno male che esiste il caro vecchio passaparola 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...