il mio natale nerd

questo post forse farà un po’ di luce sul nome scelto per il blog: aliena come te. non una luce che come un faro puntato sul soggetto lo mostri nudo al centro della scena, ma più come un lumino intermittente da decorazione natalizia che ne faccia intuire i tratti.

ricordo i natali di quando ero bambina, erano gli anni 80, i gremlins erano delle creature nuove di zecca, io aspettavo babbo natale e nel frattempo cantavo e giocavo con mia sorella e le mie cugine mentre i grandi si occupavano della cena, i nonni c’erano ancora e facevano del loro meglio per festeggiare… ricordo i cambiamenti nel corso degli anni, quando sono diventata grande e i film erano più o meno sempre gli stessi, ma i nonni non c’erano più e così anche i cenoni, e non aspettavo più babbo natale ma l’augurio di una persona speciale che puntualmente arrivava e mi rendeva felice. alle abbuffate ho sempre preferito la musica e il bicchiere della staffa con quell’amico che pensavo ci sarebbe stato per sempre. gli addobbi sono invecchiati e hanno accumulato polvere, così come i brindisi e i buoni propositi. le cose cambiano… ma se davvero bastasse il pensiero, farei sempre regali bellissimi perché – lo so che sembra strano per un’aliena come me – non c’è cosa migliore che vedere qualcuno ricevere un regalo.

santa-gizmo

quest’anno non sarà un natale coi fiocchi, ma so che sarà un natale migliore di quello dell’anno scorso, in generale un dicembre migliore. da brava nerd, continuerò a leggere e a guardare film e serie tv senza alcuna vergogna. devo concludere la lettura di l’ultima lacrima, vecchio libro di stefano benni, trovato in un mercatino dell’usato con tanto di dedica; leggere diversi ebook di alcune giovani case editrici che in questo periodo stanno facendo offerte sui loro cataloghi (nativi digitali, i sognatori, lettere animate); completare la visione dei film in lista su netflix, perlopiù non natalizi. una bella eccezione è stata miracolo nella 34a strada, nella versione del 1947, un vero classico sul trionfo dei buoni sentimenti, con un pizzico di ironia che lo rende veramente perfetto. tra i film di animazione che ho preferito, questo mese nessun anime, ma una pellicola americana in stop motion tratta da una storia di roald dahl e diretta da wes anderson: fantastic mr. fox.

gallery-miracle-3-gallery-image

non poteva poi mancare la scorpacciata di serie tv. sorvolando su quelle che ho già lodato (shameless che si è appena conclusa e doctor who di cui aspetto lo speciale di natale) e quelle che mi hanno parzialmente deluso (una mamma per amica – di nuovo insiemeblack mirror – terza stagione e the returned), mi ritengo conquistata da due. la prima, bojack horseman, è una serie animata per adulti, che sulle prime può trarre in inganno perché può apparire più demenziale  di quanto non sia in realtà. lo è, ma è anche la storia profondissima di un attore fallito e autodistruttivo che cerca in tutti i modi (anche quelli evidentemente sbagliati) di riscattarsi. occhi lucidi, amaro in bocca e sorriso sulle labbra… l’ho sorseggiata come un buon cocktail di cui si voglia dilazionare la fine. la seconda serie tv, che si intitola per intero dirk gently – agenzia di investigazione olistica, è basata sull’omonimo personaggio creato dalla penna di douglas adamsun simpatico detective che risolve misteri seguendo il principio della “fondamentale interconnessione di tutte le cose”. conto di recuperare la trilogia libresca nel prossimo futuro, intanto la serie mi ha regalato una serata goduriosa al pari di un pandoro inzuppato nella cioccolata, perché non ne ho mai abbastanza di enigmi, humor e accento britannico.

f4bfcfc84589b6cf0c1699e72314e5c5

come ho già detto, quest’anno sarà un natale migliore di quello dell’anno scorso, e non perché sarà più nerd, ci tengo a precisarlo. prometto di vedere anche la parte mezza piena del bicchiere, e di svuotarlo in compagnia. buone feste a tutti!

Annunci

6 thoughts on “il mio natale nerd

  1. Diciamo che la magia del natale tende a scemare un pò con il tempo, specie quando sulle spalle anzichè lo zainetto della scuola, inizi a caricare delusioni, problemi e mazzi vari.
    Ma già che tu sia positiva nei confronti di queste festività è cosa buona e giusta, e poi sembra che non ti manchino affatto le attività 😉

    Liked by 1 persona

  2. Per mia sfortuna non ho Netflix così mi toccherà aspettare (che accada un miracolo e venga trasmessa prima o poi in Italia) o abbonarmi per vedere Dirk e Todd all’opera. Per ora ho solo visto degli spoiler mostruosi girovagando su Tumblr che mi hanno fatto vedere una voglia pazzesca di vedere questa serie. I libri sono molto diversi: ritroverai di sicuro una visione “olistica” , avvenimenti surreali e capirai il riferimento a Thor, ma troverai molte differenze. Detto questo, buon Natale nerd!

    Mi piace

    1. Grazie! Io ho condiviso il mio mese gratuito di netflix con altri amici che a loro volta hanno condiviso il loro con me, è un buon modo per vedere un po’ di cose, gratis. 😉 Credo che da gennaio sarò un po’ meno nerd! Non vedo l’ora di leggere i libri di D. Adams, visto che ho amato la saga di Guida Galattica. Buon Natale anche a te!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...