Film strani (preferiti del mese)

Fantasticherie di un passeggiatore solitario

È un film italiano, diretto da Paolo Gaudio, uscito nelle sale nel novembre del 2015 e vincitore di vari premi internazionali. Lo studente Teo scopre per caso il manoscritto incompiuto dello scrittore Jean Jacques Renou, Fantasticherie di un passeggiatore solitario, che racconta di un bambino sperduto nel bosco e delle sue avventure avvolte di magia e di mistero. Teo ne diventa così ossessionato da credere che le fantasticherie contenute nel libro siano reali e tentare di portare a termine il viaggio incompiuto. Il film, caratterizzato da ambientazioni temporali e spaziali diverse ed elementi fantastici o semplicemente bizzarri, unisce le riprese dal vivo all’animazione “a passo uno; ha il sapore di un esperimento, ma di uno davvero ben riuscito, come un collage che si compone per raccontare una storia.

GAL_4

 

The One I Love

È un film del 2014 del regista statunitense Charlie McDowell, che ha più recentemente diretto The Discovery (La scoperta). Entrambe le pellicole sono di un genere che potremmo accostare a Black Mirror, perché unisce al racconto di vite normali, forse solo normalmente tormentate, elementi soprannaturali, fantascientifici, misteriosi. In The One I Love, Sophie e Ethan sono una giovane coppia di coniugi in crisi, che tenta di riaggiustare le cose con l’aiuto di un terapista. Consigliati da quest’ultimo, i due si recano in un cottage fuori città che ha la fama di aver riportato l’armonia in numerose coppie, e qui, nella casa degli ospiti, li attende una sorpresa inspiegabile e sconvolgente. Un film che, sebbene mantenga i toni della commedia drammatica, riesce ad essere subdolamente terrificante.

920x920

 

Handsome Devil

Questo film irlandese del 2016 non è poi tanto strano, ma rientra tra i miei preferiti. Racconta la storia di Ned , un adolescente sensibile e “diverso” dagli altri suoi coetanei, che viene costretto dal padre a stare in un collegio dove il rugby sembra essere l’unica cosa che conti davvero. Il ragazzo passa le sue giornate da solo ad ascoltare musica, e cerca come può di resistere alle continue prese in giro dei compagni, che si impuntano sulla sua incerta identità sessuale. La sua vita è un inferno di solitudine e scherno, fino a quando arrivano nell’istituto un nuovo insegnante di letteratura pronto a spronare i suoi allievi (interpretato da Andrew Scott, il Moriarty di Sherlock), e un nuovo studente che dimostra interesse nel creare un’amicizia con lui. Un bel film non pesante, ma emotivamente pieno, sull’importanza di esprimere se stessi con coraggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...