Una recensione olistica

“I paradossi sono esattamente come il tessuto cicatriziale. Tempo e spazio vi si richiudono intorno e le persone ricordano una versione dei fatti che ha tanto senso quanto quelle gliene richiedono. Ciò non significa che quando ci si imbatte in un paradosso non ci sia qualcosa che colpisce per la sua stranezza, ma se sei passato attraverso la vita senza che questo ti sia già accaduto, allora non so in quale universo tu abbia vissuto, ma di certo non in questo.”

Dirk Gently, agenzia di investigazione olistica non è solo un libro di avventura, di mistero, di fantascienza umoristica; Dirk Gently non è solo un libro. È la storia di un detective diverso da chiunque altro, un detective olistico, fermamente convinto nell’interconnessione tra tutte le cose. Se Sherlock Holmes affermava che “una volta eliminato l’impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev’essere la verità”, Dirk al contrario non esclude mai l’impossibile.

E ciò che viene raccontato è davvero qualcosa di incredibile, per cui bisogna lasciare il buon senso a cuccia da qualche parte, per godersi il viaggio. Conoscerete il vegliardo professor Urban Chronotis detto Reg, l’ingenuo Richard MacDuff, lo sconclusionato Dirk, e sarete lì con loro all’università di Cambridge, o sul lungo Tamigi, così come in uno strano pianeta dal terriccio rosa in cui esistono monaci elettrici pronti a credere a tutto.

Ma la cosa migliore non sarà questa. La cosa migliore è che questo libro continua ad echeggiare dentro, una volta finito. Certo non dico succederà a chiunque, ma se siete fortunati e un po’ folli, credo vi capiterà. Vi ritroverete a cercare informazioni sul poeta romantico Samuel Taylor Coleridge, a leggere della sua ballata del vecchio marinaio, ad ascoltare con curiosità la musica di Bach, e soprattutto non guarderete mai più un divano senza sorridere (e pure un frigorifero, se leggerete il seguito La lunga oscura pausa caffè dell’anima).

Douglas Adams – ora più che mai me ne rendo conto – non era solo un autore divertente, era anche un uomo di grande cultura e intelligenza. E come tale sapeva che nella vita sono poche le cose davvero importanti: il rispetto per la natura, una bella risata, e, per ogni evenienza, un asciugamano.

Un pensiero riguardo “Una recensione olistica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...