Serie tv, binge watching e disagio

Il fenomeno binge watching, ovvero l’abbuffata di show o serie tv, è ormai ben noto e ampiamente diffuso. Ci sono studiosi che associano questa tendenza agli stati depressivi e all’ isolamento sociale e non c’è da stupirsi. Spesso chi vive un disagio molto forte può trovare sollievo in una realtà alternativa, una situazione in cui può provare emozioni e allo stesso tempo non mettersi in gioco in prima persona, restare protetto. È anche vero che guardare per ore uno schermo, che ci sia un alto o basso coinvolgimento emotivo, può creare alienazione, distacco e conseguentemente un calo di motivazione, quindi favorire la depressione in individui già predisposti. Ma a questo punto bisognerebbe chiarire la differenza tra depressione clinica e il sentirsi depressi, anche magari quella tra l’introversione e l’asocialità, e non voglio adesso addentrarmi in tali meandri. Dico solo che ognuno ha una propria sensibilità e consapevolezza, e che le serie tv possono essere un ottimo passatempo, una causa di immobilismo o uno stimolo per riflettere.

Detto questo, essendo – ovviamente – una fruitrice piuttosto assidua di serie, voglio consigliarne alcune recenti, particolarmente ben fatte, che credo possano piacere a chiunque abbia provato un disagio e si sia sentito in trappola qualche volta.

Atypical parla di un ragazzo nello spettro autistico, Sam, della sua famiglia e dei difficili cambiamenti che tutti devono affrontare con la crescita. È arrivata alla sua terza stagione e credo sarà rinnovata per una quarta.

The End of the F***ing World è giunta alla seconda stagione e forse sarà rinnovata per una terza. Racconta l’incontro di James e Alyssa, due adolescenti tormentati che “uniscono le forze” per avventurarsi in una fuga rocambolesca.

Russian Doll è alla sua prima stagione ma la seconda è già stata confermata per l’inizio del 2020 (forse febbraio). Nadia muore nel giorno del suo 36esimo compleanno, poi si risveglia e si ritrova a vivere sempre lo stesso giorno…

E infine la surreale Undone, serie animata alla sua prima stagione, è stata rinnovata per un seguito. Racconta di Alma e di come, dopo un incidente quasi fatale, cambi il suo rapporto con la realtà e lo spazio-tempo.

Le conoscete? Cosa ne pensate? E cosa pensate del binge watching?

5 pensieri riguardo “Serie tv, binge watching e disagio

  1. Non mi piace perdermi per ore dietro a uno stesso “prodotto”, quindi praticamente non guardo serie tv. Penso che il binge watching sia un comportamento un po’ eccessivo, soprattutto se non occasionale ma attuato più volte l’anno.

    "Mi piace"

  2. Allora io ho seguito The end of the… la prima serie l’ho trovata bellissima e strepitosa ma ho paura di vedere la seconda. Atypical è nella mia lista ma non ho iniziato niente e le altre le conosco ma non mi tentano. Io sono altamente selettiva nella mia dipendenza. Inizio ma se non mi prende smetto subito… diciamo che riesco a contenermi!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...