Ritorno a casa [racconto rosso]

“Non ricordavo quanto fossero belli i tramonti qui”, pensò Mary mentre percorreva sulla sua decappottabile la strada che l’avrebbe riportata nella cittadina in cui era cresciuta, dopo tanti anni di assenza. Mary era quella che si può definire una donna in carriera, ed era certa che mai lo sarebbe diventata se fosse rimasta legata troppo stretta a quei tramonti spettacolari.

Era estate inoltrata e il sole stava calando velocemente, il calore del giorno era rimasto nell’aria e questo non faceva che aumentare la stanchezza di Mary, che aveva viaggiato per diverse ore. Aveva una gran fame, anche, e il rumore lamentoso del suo stomaco glielo ricordò.

“Spero non sia troppo tardi per un salto alla tua gelateria, Anna, potrebbe essere l’unica occasione in cui mi farebbe davvero piacere vederti…” e pensando questo ad alta voce e visualizzando il volto fin troppo amichevole della sua vecchia collega Anna, provò una leggera nausea. Quando erano entrambe più giovani, avevano lavorato assieme per un paio di stagioni in alcuni villaggi turistici, ma quello si era rivelato un lavoro poco adatto per Mary, che preferiva passare il suo tempo libero in compagnia di un bel libro, mentre Anna era sicuramente più a suo agio a contatto con il pubblico. Per questo, Mary non si era stupita più di tanto quando aveva ricevuto l’invito da parte di Anna nella nuova gelateria artigianale da lei gestita, poteva dirsi, anzi, quasi contenta per l’intraprendenza avuta dalla sua conoscente. Solo si sentiva un po’ in imbarazzo, come spesso le accadeva, al pensiero di un incontro non troppo desiderato con qualcuno a cui non si sentiva affine: si era sempre definita un pesce fuor d’acqua tra i suoi compaesani.

Nel frattempo, persa così nei suoi pensieri, era giunta a destinazione. Il paese era esattamente come lo ricordava, forse solo più silenzioso di quanto si sarebbe aspettata in quel periodo dell’anno.

Ma appena svoltò a destra, nella strada principale che portava alla grande piazza, notò subito un punto animato, laddove un discreto gruppo di persone chiacchierava davanti a grandi coppe di gelato, illuminato da una diffusa luce giallastra.

“Eccola lì…” disse Mary, scorgendo Anna aggirarsi tra i tavoli con il suo sorriso migliore. Non si accorse di aver quasi fermato l’auto proprio di fronte alla gelateria e di avere il suo sguardo fisso su quella donna, che sembrava non essere invecchiata di un solo anno da quando si erano separate.

Fu Anna ad interrompere quel momento d’incanto e ad irrompere tra il brusio generale con un saluto squillante. “Hey tuuu?! Da quanto tempo!!!” e si avvicinò svelta alla macchina, per afferrare poi il bordo della portiera del lato passeggero con le sue mani bianche e mostrare le sue unghie-artiglio rosso scarlatto. “Devi venire assolutamente ad assaggiare la mia specialità: il miglior gelato che potrai mai mangiare.” Scandì lentamente quelle ultime parole e cambiò persino il tono di voce, che divenne più basso e suadente. Mary pensò che ci fosse qualcosa di diverso in lei, forse solo nel suo atteggiamento, forse nei suoi occhi, ma non ebbe il tempo di elaborare un tale sospetto.

Poco più di trenta secondi dopo era già mano nella mano con Anna, che la guidava tra i tavolini, indicandole nel frattempo alcune creazioni della casa: amarena graffiti, strawberry cream forever; Mary non poteva credere che la sua ex collega avesse avuto l’idea di nominare i gelati ispirandosi a classici del cinema e della musica, lei avrebbe potuto fare una cosa simile, se solo avesse gestito una gelateria.

Sul bancone, all’interno, la attendeva una maestosa composizione, che comprendeva una cima di panna montata e una decorazione sinuosa di un bel rosso cupo. “L’ho chiamato la lettera scarlatta, in onore della tua passione per la lettura”, affermò Anna, visibilmente fiera del suo lampo di genio.

Mary afferrò il cucchiaino che le era stato offerto e lo affondò lentamente, come per un rituale, nella morbida nuvola venata di sciroppo vermiglio.

Sulle prime le sembrò di sentire un sapore strano, che tentò di identificare, poi, cucchiaino dopo cucchiaino, si convinse di mangiare il gelato più buono che avesse mai provato prima, diverso da qualsiasi altro e irresistibile.

Travolta dall’estasi di quel nuovo gusto, Mary non riusciva più a formulare un pensiero completo e logico. Continuò a non capire cosa stesse succedendo persino quando vide la sua amica con il polso sanguinante, la bocca aperta in un ghigno che lasciava ben scoperti dei lunghi e affilati canini, e due occhi gialli, infuocati, rivolti a lei come due lame appuntite. “Non ti sentirai mai più un pesce fuor d’acqua, mia cara Mary… Sei come tutti noi, adesso.” Mary cominciò a sentirsi come svuotata e percepì un improvviso, travolgente desiderio di sangue. Anna le rivolse uno dei suoi migliori sorrisi, prima di dirle: “Bentornata a casa”.

giveaway, illustrazioni e progetti estivi

buongiorno alieni! il mese scorso ho lanciato su questo blog il mio primo giveaway, nel quale ho messo in palio due bei libri: senza sangue, del famoso alessandro baricco, e il primo viaggio di selene tra le stelle, del nuovo autore alessandro frailis. ho pensato tanto se essere sincera e dire com’è andata davvero, e ovviamente, visto la premessa, ho deciso di esserlo. il giveaway è stato un immenso, stratosferico flop. nonostante le visualizzazioni al post non siano mancate, solo 2 persone hanno partecipato. sì, non due persone nel senso di 4 gatti, ma proprio 2 di numero! ecco, io non ho problemi a fare l’estrazione tra queste due persone e regalare i libri, anzi mi fa piacere, ma vorrei capire perché nessun altro ha partecipato. sarà perché chiedevo di inserire un indirizzo email? o perché non interessavano i libri? o dovevo fare più spam? mah.

comunque, bando alle ciance e ciancio alle bande, la vincitrice è… Loredana! mi dispiace per l’altra impavida concorrente, grazie per aver partecipato. per te posso pensare a un bel premio di consolazione. Loredana è stata contattata privatamente e riceverà i suoi libri non appena mi sarà possibile spedirli, credo abbastanza presto. intanto colgo l’occasione per pubblicizzare la sua pagina facebook, perché si dà il caso che Loredana sia una bravissima artista. potete vedere due sue illustrazioni proprio qui, ad abbellire questo semplice post di “comunicazioni di servizio”.

10336669_1533987076852397_2516306027272893302_n
10421992_1533987223519049_3971935642079449473_n

in questo periodo ho pensato anche al futuro del blog e se eventualmente apportare delle modifiche. per il momento l’unica novità è che cercherò di scrivere quattro racconti per ognuna delle quattro settimane di agosto e ogni racconto sarà abbinato ad un colore: rosso, blu, giallo e nero (non so se in quest’ordine). fatemi sapere se voleste tentare la mia stessa missione

ci leggiamo presto!

un po’ di SUNDANCE per iniziare bene l’estate

ecco tre film presentati tutti al sundance film festival (festival del cinema indipendente che per me è quasi sempre una garanzia di qualità) e che hanno quel sapore di vecchia estate indimenticabile condita con un pizzico d’avventura, quel tipo d’estate che non mi stancherei mai di rivivere.

LITTLE MISS SUNSHINE

c’è il papà che cerca disperatamente di far pubblicare il suo programma per raggiungere il successo, la mamma che decide di prendersi cura del fratello che ha tentato il suicidio per una delusione amorosa, il nonno cocainomane che non riesce a frenare la lingua, e un fratello adolescente che odia tutti e ha fatto il voto del silenzio. la piccola olive ha solo un sogno: partecipare alla competizione little miss sunshine. così tutta la famiglia, riluttante ma decisa a portare a termine la missione, intraprende il lungo viaggio on the road verso la california, dove si tiene il concorso di bellezza. personaggi memorabili, momenti esilaranti e altri che scaldano il cuore, un mix perfetto con tanto di furgoncino della volkswagen anni ’70 e coinvolgente colonna sonora.

THE KINGS OF SUMMER

joy sta crescendo, ed è stanco di vivere con il padre single che frequenta la donna sbagliata e impone le sue severe regole. ormai esasperato, decide di rifugiarsi in una parte del bosco difficilmente raggiungibile, e di costruirsi una casa con le sue mani. in questa impresa sarà aiutato dal suo migliore amico patrick, anche lui stanco della sua famiglia (fin troppo amorevole, soffocante), e da uno strano ragazzo di nome biaggio. i tre cercheranno di cavarsela da soli, costruire il rifugio, procurarsi il cibo, trascorrere il tempo lontano dalla “civiltà”, sperimentando così le gioie e le pene della libertà e della crescita. un film che racconta gli scontri generazionali, la naturale spinta all’indipendenza e, soprattutto, i meccanismi e il valore di una vera amicizia.

screen_shot_2013-05-16_at_1-49-48_pm

THE WAY WAY BACK (c’era una volta un’estate)

duncan è costretto a partire per le vacanze con sua madre, il suo nuovo compagno e la figlia di lui, in una piccola cittadina sul mare. duncan è un quattordicenne ingenuo e taciturno e il compagno della madre, con il pretesto di educarlo, lo tratta spesso in modo tale da farlo sentire una nullità. durante l’esplorazione della cittadina, il ragazzo conosce owen, un uomo un po’ immaturo ma carismatico, che gli offre un lavoro al water wizz, il parco acquatico che gestisce. i due diventano presto buoni amici e l’adolescente inizia ad aprirsi e ad acquisire coraggio, facendo cose che non avrebbe mai pensato di poter fare. ma duncan non è l’unico ad evolvere in questo film, anche gli adulti, così ben caratterizzati psicologicamente, si ritrovano un po’ cambiati alla fine di questa memorabile estate.

the-way-way-back1