A step you can’t take back

Ti ritrovi in questa stazione della metro, tutto il tuo mondo in un borsone al tuo fianco…

Inserendo la canzone nel contesto del film da cui è tratta, direi che sì, resta una canzone triste, ma voglio interpretarla così: è necessario un passo verso l’ignoto per poter ricominciare, dopo che la vita ci ha buttati a terra, un passo totalmente azzardato, per poter cambiare.