Un’estate very British

Purtroppo il titolo del post non fa riferimento né ad un imminente viaggio nella mia amata Gran Bretagna, né a un clima piacevolmente frescolino che accompagni queste lunghe giornate di luglio. Fa invece riferimento alle mie letture del periodo, che sono state, sono e si accingono ad essere tutte di madre patria britannica.

Il libro che ho da poco finito di leggere è il celebre Assassinio sull’Orient Express, di Agatha Christie. Ammetto di non essere una grande lettrice di gialli (a parte tutta la serie su Sherlock Holmes) e di Christie, seppur così famosa, conosco davvero poco. Però, come a suo tempo fece Dieci piccoli indiani, anche quest’opera mi ha coinvolto quasi subito, per i suoi personaggi caratteristici (Hercule Poirot fra tutti) e la sua struttura semplice ma ben congegnata. Non vedo l’ora di guardare la nuova trasposizione cinematografica che uscirà quest’anno a dicembre!

 

Il libro che sto rileggendo, questa volta in italiano, è Tre uomini in barca (per non parlar del cane), di Jerome K. Jerome. La semplice storia di tre amici (e un cane) che fanno una gita in barca sul Tamigi. Un romanzo – così si dice – nato come guida turistica per Londra e che poi, dopo l’intervento dell’editore, è diventato tutt’altro. Un’opera che ci mostra sì alcune bellezze londinesi, ma che non perde l’occasione di essere divertente, con i suoi aneddoti e le sue digressioni, e a tratti persino riflessiva e profonda. Libro consigliatissimo a chiunque voglia farsi un’idea di cosa sia lo humor inglese.

16dfd0e2dc1e090d0a3c38d1ed0aced7

Continua poi la mia seppur breve relazione con gli audio-libri. Quello che ho iniziato a “leggere” questo mese è nientepopodimeno che Harry Potter e la Pietra Filosofale, di J. K. Rowling. Per varie ragioni non mi ero mai approcciata prima a questo testo e a tutta la saga, ma sono sempre stata convinta che se la avessi letta alla sua uscita, anche se già diciassettenne, l’avrei sicuramente adorata. Tutt’ora, pur avendo superato di gran lunga la maggiore età, riesco ad apprezzare questo romanzo, e so che il meglio deve ancora arrivare! Peccato solo che la qualità dell’audio-libro non sia molto alta.

harry-potter-kings-cross-platform_4d7a0e6db576d

Infine, il libro che ho intenzione di leggere a breve è La Tempesta, di William Shakespeare. Non ha certo bisogno di presentazioni ed è una garanzia di qualità, ma ammetto di conoscere l’autore più per averlo studiato che per averlo realmente letto. Romeo e Giulietta, Amleto, Sogno di una Notte di Mezza Estate… ebbene, ho visto solo i film! So che esiste un adattamento cinematografico anche de La Tempesta, ma questa volta non mi farò sedurre dalla celluloide e leggerò parola per parola l’opera del Bardo.

prima-de-la-tempesta-di-william-shakespeare

Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni; e nello spazio e nel tempo d’un sogno è racchiusa la nostra breve vita.

Annunci

ed è solo l’inizio

L’altro giorno ho avuto l’occasione di conoscere una fan di Stefano Benni. Nell’istante della scoperta i colori sono diventati più vividi, la mente ha ripercorso in un colpo solo le innumerevoli tappe del mio rapporto con lo scrittore, meglio di quanto sarebbe riuscita a fare con la mia intera esistenza se fossi stata in punto di morte. Si tratta, in fin dei conti, di vent’anni di rapporto amoroso (ben inteso, a senso unico) nei quali ci sono stati – come è giusto che sia – momenti di quieta indifferenza, di affettuosa perplessità e, perlopiù, di passione entusiasta. La sua fantasia linguistica e la malinconica ironia delle sue storie hanno conquistato la me stessa adolescente, e hanno continuato a farlo anno dopo anno.

Questi sono gli incipit dei romanzi del Lupo che amo di più (a parte l’ultimo che è della sua nuova uscita, che attendo di leggere con amorepreventivo). Spero che ti incuriosiscano.

Il bar sotto il mare

Non so se mi crederete. Passiamo metà della vita a deridere ciò in cui altri credono, e l’altra metà a credere in ciò che altri deridono.

bar-sotto-mare

Saltatempo

Quand’ero molto piccolo ho visto un Dio. Scarpagnavo verso la Bisacconi. Scarpagnare vuol dire camminare a saltelli per via del dislivello, io abitavo in montagna, la scuola era in basso.

Achille piè veloce

L’uomo con i libri sottobraccio uscì di casa e il mondo non c’era. Guardò meglio e vide che c’era ancora, ma una fitta nebbia lo nascondeva, forse per salvarlo da qualche pericolo.

9788807016400_quarta

Terra

La notte del trenta agosto 2039 un’ondata di caldo eccezionale soffocava gli Stati Uniti. Il termometro a New York segnò quarantadue gradi; a mezzanotte tutte le docce della città emisero un ululato di agonia, e il rantolo delle tubature annunciò che l’erogazione di acqua era sospesa fino alle otto di mattina.

Baol

È una tranquilla notte di Regime. Le guerre sono tutte lontane. Oggi ci sono stati soltanto sette omicidi, tre per sbaglio di persona. L’inquinamento atmosferico è nei limiti della norma. C’è biossido per tutti. Invece non c’è felicità per tutti.

Comici spaventati guerrieri

Lucio Lucertola festeggiò il suo settantesimo compleanno svegliandosi.

Elianto

C’era un gran rumore negli universi.

3564223

Pane e tempesta

Nei sogni della notte i cattivi chiedono perdono ed i buoni uccidono. Ma dietro gli occhi chiusi, ognuno mantiene il proprio segreto. Perciò non sapremo mai cosa sognava il Nonno Stregone quella notte…

Margherita Dolcevita

Sono andata a letto e le stelle non c’erano più. Ho pulito per bene il vetro della finestra, ma niente da fare. Erano sparite.

Prendiluna

La vecchia guardava la luna, e viceversa.

prendiluna

scopri nuovi blog

il liebster award è un’opportunità per raccontarsi e per mettersi in luce a vicenda, come dice benny di unreliablehero, che ringrazio di cuore per aver nominato il mio blog “ricco di fantasia e suggerimenti nerd”! ammetto di essere stata nominata altre due volte precedentemente ma di non aver mai dato alcuna risposta, perciò faccio ammenda ringraziando anche i blog la stanza di pluffa calderone e antro del libro per le vecchie nomine, e cercando di rispondere al meglio a questa “chiamata”.

le regole:

pubblicare il logo del liebster award sul proprio blog
ringraziare il blog che ti ha nominato e seguirlo
rispondere alle sue 11 domande
nominare a tua volta altri 11 blogger con meno di 200 followers
formulare altre 11 domande per i blogger nominati
informare i blogger della nomination

1) quale libro hai sul comodino in questo momento?

nessun libro in carta e inchiostro, ma il kindle pronto per diverse nuove letture (nuove per me, ma di romanzi datati come colorado kid di stephen king e cavie di chuck palahniuk).

2) quando scrivi i tuoi articoli?

li scrivo quando ho più tempo a disposizione e sono rilassata, di solito due alla volta e programmandoli per la settimana successiva.

3) quale eroe e quale cattivo sono i tuoi preferiti?

sherlock holmes e doctor who, per la loro intelligenza e il loro senso di giustizia; le loro rispettive nemesi, moriarty e the master, e in generale i cattivi complessi e carismatici.

0308764c91461cb987c927402121a9de

 

4) di quale argomento non hai ancora parlato, ma ti piacerebbe approfondire nel blog?

la scrittura creativa.

5) quale scrittore/scrittrice prediligi?

stefano benni, italo calvino, douglas adams e arthur conan doyle, considerando la quantità di loro testi che ho letto e apprezzato; ma ce ne sono molti altri.

6) quale articolo ti ha dato più problemi scrivere?

quello che non ho ancora pubblicato.

7) il tuo libro preferito e quello che hai odiato di più.

forse perché legato alla mia infanzia, direi la storia infinita, come libro preferito; quello più odiato non c’è: quando una storia non mi piace non riesco neanche a finirla.

the_neverending_story
“non che questo ci importi granché.”

8) il commento più sorprendente che hai ricevuto.

tutti i commenti che contengono complimenti mi sorprendono abbastanza.

9) da quanto tempo hai un blog?

iniziai a scrivere un blog nel 2014 su blogspot, poi mi spostai qui su wordpress l’anno successivo ma abbandonai per un po’ la scrittura; ripresi regolarmente nell’aprile del 2016, quindi esattamente un anno fa.

10) cosa è cambiato dai tempi del tuo primo post?

quasi tutto; eccolo qui.

11) nomi alternativi che hai scartato per il tuo blog.

i nomi precedenti: il blog sotto il mare, sbagliando si sbaglia!

tutti i blog nominati qui di seguito (e quelli ringraziati prima) hanno il mio apprezzamento più sincero perché scritti da ragazze con una spiccata sensibilità e che perlopiù condividono con me la grande passione per la lettura:

la libreria di j

controletture

leggererecensire

una contraddizione ambulante

interno 86

io non sono quella ragazza

la siepe di more

books lipstick and tea

the shelter of books

the growing up chronicle

ed ecco infine le mie 11 domande:

  1. c’è una citazione libresca rimasta indelebile nella tua memoria?
  2. in quale pellicola cinematografica vorresti magicamente entrare?
  3. c’è un personaggio di una serie tv che ti somiglia?
  4. hai inventato qualcosa che salverà il mondo. di cosa si tratta?
  5. puoi visitare marte, cosa porti con te?
  6. gli alieni comunicano solo con la musica. quale strumento scegli?
  7. se fossi una fiaba quale saresti?
  8. se fossi una poesia?
  9. il tuo blog è…?
  10. hai in programma dei cambiamenti per il tuo blog?
  11. hai scritto un racconto/poesia/altro che vuoi farmi leggere? (puoi linkarlo o mandarmelo attraverso il modulo di contatto presente nella pagina “chi sono”)