Il groviglio

L'anno scorso ho scritto questo racconto/poesia per esprimere la mia gratitudine verso la musica, vera compagna di vita, medicina senza contro-indicazioni. Il mio desiderio era che venisse accompagnato da illustrazioni, ma si sa, spesso i desideri non si avverano facilmente. E così eccolo qua: caratteri neri su una pagina bianca; semplice, spoglio, onesto. Mi sono … Continua a leggere Il groviglio

Non si può stare fermi

Mentre procede lo studio per il terzo esame pre-concorso (che avrò già dato nel momento in cui qualcuno starà leggendo questo post), ascolto un bel po' di musica per rifornirmi di energia. Visto che qualcuno qualche giorno fa mi ha fatto ragionare su questa cosa, vi dico in due parole perché scelgo di parlare di … Continua a leggere Non si può stare fermi

di giorni malinconici e primavere che avanzano

questa settimana un post anomalo, per dimostrare come anch'io, nonostante una tendenza innata ad organizzarmi e mettere ordine, possa seguire il flusso ed improvvisare. sono stati giorni abbastanza produttivi: ho iniziato a dedicarmi a un nuovo lavoro, ho letto tanto, ho scritto, sono stata all'associazione per cui faccio volontariato (e che aiuta principalmente me, a … Continua a leggere di giorni malinconici e primavere che avanzano

benvenuto 1994!

“il tempo è relativo, il suo unico valore è dato da ciò che noi facciamo mentre sta passando.” che sia per noi iniziato il 2017, o debba ancora concludersi il 1395 (calendario persiano) o il 5777 (calendario ebraico), poco importa: le cose accadono aldilà delle nostre schematizzazioni. ma il potere dei nuovi inizi è reale, e anche … Continua a leggere benvenuto 1994!

29 maggio 1997

ti avevo appena conosciuto e già te ne andavi, così, improvvisamente, nel mistero di una macchia scura che nasconde l'errore sul foglio. il mondo è pieno di musica, sì, ma quanto ho sentito la tua mancanza! ho ascoltato la tua voce centinaia di volte e ho capito che sei più vivo di quanto io forse … Continua a leggere 29 maggio 1997