la fiaba racconto di vita – non proprio una recensione

un po’ di tempo fa, la casa editrice inknot mi ha gentilmente inviato un ebook dal titolo la fiaba: racconto di vita, un viaggio tra emozioni e fantasia, scritto da anna riva e eugenia russo. in questo libro le autrici fanno un vero e proprio elogio della fiaba, dimostrano il suo grande valore didattico, emotivo e relazionale, non solo per i bambini più piccoli ma anche per quelli cresciuti, per gli adulti. le funzioni che può avere una fiaba personalizzata, così, si moltiplicano, perché in essa ci si può ancor meglio immedesimare, si possono vedere esplicitati sentimenti rimasti inespressi e sentire un’infusione di speranza nel seppur costruito lieto fine. i piccoli imparano un po’ a crescere, e i grandi imparano a tornare un po’ bambini.

questo libro contiene, oltre a una parte saggistica riguardante la narrazione fiabesca e in particolare quella scritta “su misura”, 5 fiabe per raccontare 5 diversi momenti di vita: la nascita di un fratellino vista dagli occhi di un bambino, l’importanza dell’amicizia e dell’identità in un gruppo per l’adolescente, l’attesa di un figlio, la nascita dell’amore tra due persone, il ruolo della famiglia, sia essa di sangue o allargata.

ecco allora la mia fiaba personalizzata, non una dichiarazione né una richiesta, solo il sogno di una alessandra nella sua versione più piccola ed ingenua.

forest-1868237_640

c’era una volta un bosco nel quale vivevano molte creature; oltre agli animali vi erano fate, gnomi, troll e persino elfi. vi era anche una creatura per metà troll e per metà elfo. essa era troppo elfica per i troll, e troppo rozza e puzzolente per gli elfi.

questa creatura trascorreva gran parte del tempo a costruire la sua dimora, una che fosse bella come le altre del bosco, ma più si arrabattava nella costruzione, più la dimora cadeva a pezzi. la sua non era altro che una casa diroccata, a confronto delle graziose abitazioni delle fate, e lei si sentiva sempre più stanca.

un giorno giunse nel bosco un esploratore da molto lontano. aveva viaggiato in lungo e in largo, e la sua conoscenza era pari solo alla sua curiosità. studiò a fondo gli abitanti di quel luogo e, quando pensava di essere ormai alla fine della sua permanenza, trovò il rifugio della strana creatura.

quando se la ritrovò di fronte, rimase inebetito: mai avrebbe pensato di incontrare una libegnetta diroccante proprio lì! “perdona la mia espressione – le disse – è solo stupore”.

la creatura era imbarazzata, quell’essere sembrava molto interessato a lei e alla sua dimora diroccata, ma non riusciva proprio a capire per quale ragione il suo sguardo fosse – sì, non si sbagliava – di ammirazione.

“la mia casa cade a pezzi, lo so”, intervenne lei sulla difensiva.

“è bellissima, lo sai? è la tipica dimora di una libegnetta diroccante… l’ideale per ammirare le stelle!”

da quel giorno l’esploratore guarda le stelle dalla casa diroccata nel bosco, mentre la creatura si riposa al suo fianco, credendo, a ragione o torto, che la sua dimora sia perfetta così com’è.

Annunci

2 thoughts on “la fiaba racconto di vita – non proprio una recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...